Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, è attualmente a Istanbul per un incontro cruciale con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. Accompagnato da una delegazione ministeriale, tra cui il ministro della Difesa Rustem Umerov, Zelensky ha discusso con Erdogan dei recenti sviluppi nella guerra tra Mosca e Kiev e del possibile rilancio di un accordo vitale per l’esportazione di grano dall’Ucraina.

L’incontro si è svolto presso il palazzo Dolmabahçe di Istanbul, dove i due leader hanno approfondito la questione del corridoio sicuro nel Mar Nero, che ha permesso l’esportazione di grano ucraino fino a quando la Russia si è ritirata dall’accordo lo scorso anno. Erdogan ha espresso la sua disponibilità a supportare il rilancio di tale patto, affermando di essere in contatto con le Nazioni Unite per questo scopo.

Zelensky ha anche visitato i cantieri navali di Istanbul, esaminando le corvette destinate alla Marina ucraina. Ha elogiato la collaborazione tra Turchia e Ucraina per il potenziamento delle capacità di difesa e per avvicinare la pace nella regione. Il presidente ucraino ha sottolineato l’importanza della cooperazione bilaterale anche nell’affrontare questioni umanitarie, come la liberazione dei prigionieri di guerra.

Durante una conferenza stampa congiunta, Erdogan ha proposto di ospitare negoziati di pace tra delegazioni di Kiev e Mosca, ribadendo il suo impegno per il rilancio dell’accordo sul grano. Zelensky ha accolto con favore queste proposte, evidenziando l’importanza di una pace giusta per l’Ucraina e per tutta la regione.

Nel frattempo, Zelensky ha anche fornito aggiornamenti sull’attacco missilistico subito a Odessa durante la visita del primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis, sottolineando la persistente minaccia che il suo paese affronta. Esplosioni sono state riportate nelle città occupate dai russi nella regione di Zaporizhzhia, confermando la continua instabilità nella zona.