In Campidoglio sarà aperta al pubblico, dalle 10 fino alle 18 di oggi, domenica 18 dicembre, la Camera ardente per Sinisa Mihajlovic, morto a soli 53 anni. “Ritaglierò dal tuo ricordo tante stelle. Quando non sarai più parte di me, ritaglierò dal tuo ricordo tante piccole stelle, allora il cielo sarà così bello che tutto il mondo si innamorerà della notte”.  La figlia, Virginia Mihajlovic ha scritto su Instagram sul padre: “Il mio cuore oggi è spezzato, in frantumi. La mia anima peggio, e non riesco a continuare a parlare del mio super eroe, per me papà, per voi Siniša Mihajlovic. Fa troppo, troppo male”.  La sorella Viktorija ha postato, invece, alcuni versi di una poesia di Montale. L’annuncio della famiglia: “Una morte ingiusta e prematura – ha scritto la famiglia- La moglie Arianna, con i figli Viktorija, Virginia, Miroslav, Dusan e Nikolas, la nipotina Violante, la mamma Vikyorija e il fratello Drazen, nel dolore comunicano la morte ingiusta e prematura del marito, padre, figlio e fratello esemplare, Sinisa Mihajlovic. Uomo unico, professionista straordinario, disponibile e buono con tutti. Coraggiosamente ha lottato contro una orribile malattia. Ringraziamo i medici e le infermiere che lo hanno seguito in questi anni, con amore e rispetto, in particolare la dottoressa Francesca Bonifazi, il dottor Antonio Curti, il Prof. Alessndro Rambaldi, e il Dott. Luca Marchetti. Sinisa resterà sempre con noi. Vivo con tutto l’amore che ci ha regalato”.