Al termine della giornata dedicata al Consiglio Generale della Cisl Medici Nazionale, alla presenza del Segretario Generale Biagio Papotto e del Segretario Aggiuntto Maurizio Zampetti e ospite d’eccezione Ignazio Ganga, Segretario Confederale Cisl, si è svolto presso l‘auditorium della Casa per ferie dei Cappuccini di Roma, il Premio intitolato al Dott. Giuseppe Garraffo, primo Segretario della Cisl Medici. La Dott.ssa Antonia Carlino, moglie del Dott. Garraffo, ha consegnato le due borse di studio 2019 di 2500 euro, che anche quest’anno sono state donate dalla Federazione Cisl Medici e che il prossimo anno saranno tre, a due giovani medici in memoria di Giuseppe Garraffo. Quest’anno hanno vinto l’ambìto Premio Gianluigi D’Ambrosio, medico campano di 29 anni, con l’elaborato intitolato “Innovazione tecnologica e sistema di governance”, dove viene sottolineata la necessaria riorganizzazione tecnologica del SSN per un servizio più efficiente per la popolazione e il ruolo delle cure primarie sul territorio, tema caro allo stesso Dott. Garraffo.

Il secondo Premio Garraffo è stato vinto dalla Dottoressa palermitana Irene Serio, 31 anni, che vive e lavora a Genova presso l’Ospedale Gaslini, con una scrittura intitolata “Giovane sindacato, per una visione nuova di convivenza e partecipazione”, un argomento difficile e molto sentito, che tratta il precariato e il mondo del lavoro con la sua rappresentanza attraverso le nuove generazioni.

@vanessaseffer