impennata nei giorni a ridosso di Natale di tamponi, sia per timori di contagiare i parenti ma anche per l’aumento dei casi positivi dovuti alla variante Omicron. Federfarma calcola settecentomila test al giorno nelle 14 mila farmacie che aderiscono alla campagna su tutto il territorio, con un incremento del 20% rispetto al periodo precedente alle festività.

“Questi numeri sono dovuti al senso di responsabilità delle persone. Chi fa il test vuole esser sicuro di non aver preso il Covid e di non contagiare gli altri. Le farmacie stanno reggendo benissimo alla richiesta, non ci sono criticità”. Così ha commentato Marco Cossolo, presidente di Federfarma.

Ma in non poche regioni si sono registrate lunghe code per fare i test. A Roma è sceso in campo anche l’Istituto dermopatico dell’Immacolata (Idi) che da oggi affianca i servizi drive-in in regime di convenzione con il Servizio sanitario regionale. Il nuovo servizio, su prenotazione e a pagamento è disponibile di pomeriggio dalle 14.00 alle 17.00 dal lunedì al venerdì e dalle ore 9.00 alle 12.00 il sabato.