Un terremoto di magnitudo provvisoria 6 è avvenuto in Croazia ed è stato avvertito in Italia, lungo la costa Adriatica, da Trieste all’Abruzzo, secondo le prime stime dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv)

L’epicentro del forte terremoto di magnitudo 6.3 in Croazia è stato localizzato intorno a Petrinja, una cinquantina di km a sud di Zagabria, una regione già colpita ieri da scosse sismiche. I media regionali parlano di gravi danni a Petrinja, con edifici crollati, interruzione di elettricità e linee telefoniche. Il terremoto è stato avvertito in tutta la Croazia ma anche in Serbia e Bosnia-Erzegovina

Le prime informazioni disponibili parlano di tetti crollati, danni alle facciate degli edifici e anche interni palazzi crollati. Lo rende noto la Croce Rossa croata, che su Twitter ha annunciato l’invio dei soccorritori sul luogo del terremoto. «Ancora un forte terremoto. La situazione a Petrinja è molto grave. Le squadre della Croce Rossa sono in campo», hanno scritto su Twitter diffondendo un video dei soccorritori in una strada piena di detriti e mattoni. La stessa zona era già stata colpita ieri da un terremoto di magnitudo 5,2

Petrinja è un cumulo di macerie. La “città distrutta” titolano media locali, travolta nella tarda mattinata di oggi da un terremoto “quattro volte più energetico di Amatrice”, spiega l’Ingv. Tra gli edifici crollati, anche il locale ospedale e un asilo. Petrinja si trova nella Croazia centrale, nella storica regione di Banovina vicino a Sisak. Conta 13.801 abitanti, 23.413 se si considera l’area metropolitana. Dista circa 50 chilometri dalla capitale, Zagabria. “C’erano state scosse anche ieri in Croazia quindi presumibilmente molte persone non erano a casa, ma questo tipo di scosse può causare danni ingenti”.

L’unica vittima accertata finora è una ragazzina di 12 anni, morta sotto le macerie a Petrinja. Ne danno notizia i media locali. Il sindaco della cittadina, Darinko Dumbovic, ha parlato di totale distruzione. “La situazione è come a Hiroshima”, ha detto. Trecento militari sono in viaggio verso la cittadina per prestare assistenza alla popolazione. Atteso anche l’arrivo del premier Zndrej Plenkovic. Ingenti danni materiali anche a Sisak, poco distante da Petrinja, dove vengono segnalati numerosi feriti. Proprio qui, a Sisak, alle 13.34 la più forte delle scosse minori (magnitudo 4.5), che hanno scosso successivamente la Croazia centrale. Il sindaco di Zagabria, Milan Bandic, ha chiesto ai suoi concittadini di non utilizzare le auto per tenere libere le strade ai servizi di emergenza perché possano “ripulire tutto il prima possibile”. A Zagabria, inoltre, riferiscono i media locali, il traffico è in tilt perché manca l’elettricità e i semafori non funzionano. Interrotte le linee telefoniche e non funziona Internet.