Green pass obbligatorio per tutti i lavoratori domani e rischio di possibili iniziative di protesta davanti a “ingressi aziendali” e “presso aeroporti, porti, punti di snodo stradale, autostradale e ferroviari, finalizzati a creare disagi con possibile intralcio alla regolarità dei servizi e delle attività produttive”. E’ quanto si legge nella circolare a prefetti e questori dal Dipartimento di Pubblica Sicurezza. Alle autorità sul territorio si chiede  la “massima intensificazione” dell’azione di controllo del territorio e di “osservazione” nei confronti di soggetti o gruppi “ritenuti pericolosi per l’ordine pubblico”. Il capo della Polizia, Lamberto Giannini scrive nella circolare in vista dell’entrata in vigore dell’obbligo del green pass che “non si possa escludere che domani sia il pretesto per un ulteriore inasprimento dei toni della protesta, con azioni verso obiettivi esposti a rischio e con possibili episodi di contrapposizione tra gruppi aderenti a opposti estremismi.  I lavoratori portuali di Trieste hanno fatto sapere che incroceranno le braccia.