di WANDA CHERUBINI-

VITERBO- Con un voto favorevole di 18 consiglieri e 9 contrari, il Consiglio Comunale di Viterbo ha approvato il secondo bilancio di previsione proposto da Chiara Frontini. Nonostante le polemiche legate al caso Bruzziches, l’amministrazione dimostra di mantenere, almeno per il momento, una solida maggioranza. La manovra finanziaria approvata prevede investimenti su vari fronti, come il verde pubblico, il contrasto all’emergenza cinghiali e eventi, escludendo al momento San Pellegrino.

Dei 38 emendamenti presentati dalle opposizioni, solo due sono stati approvati: uno rivolto alle associazioni di volontariato e l’altro per il completamento del recupero della torre civica di Bagnaia. La seduta fiume, durata circa tre ore e un quarto, ha visto anche l’intervento della prima cittadina, che ha fatto una panoramica degli avvenimenti della due giorni di lavori.

Chiara Frontini ha sottolineato che il bilancio riflette scelte concrete ascoltando le richieste dei cittadini. Ha evidenziato numeri chiave, come i 30mila euro per l’emergenza cinghiali, il finanziamento di 30mila euro per il Priu, e l’incremento del budget per il verde pubblico e la cura della città. Nonostante non sia perfetto, il bilancio rispecchia le priorità dell’amministrazione.

La prima cittadina ha anche affrontato i fatti politici, dichiarando che le turbolenze serviranno a far crescere e responsabilizzare l’amministrazione. Frontini ha sottolineato l’importanza della politica come mediazione e compromesso, esortando alla costruzione di rapporti umani solidi nel tempo. Ha affrontato il caso Bruzziches come un “fatto umano” e ha sottolineato la necessità di proteggere i consiglieri dalle insidie e cattiverie presenti in certi ambienti.

In conclusione, l’amministrazione Frontini guarda al futuro con l’obiettivo di realizzare il proprio programma, affrontando le sfide della politica locale con determinazione e responsabilità.