“Ritengo sia un atto di civiltà e un passo in avanti fondamentale nella lotta alla tratta di esseri umani, che lo sfruttamento della maternità surrogata sia finalmente considerato un crimine a livello europeo. La direttiva adottata oggi a grande maggioranza dal
Parlamento europeo pone nella totale illegalità alcune pratiche aberranti e tra queste anche i matrimoni forzati e le adozioni illegali, mentre criminalizzare la maternità surrogata consente di proteggere le donne e sottrarle ad uno stato di soggezione e sottomissione, ponendo un argine importante allì’odiosa pratica dell’utero in affitto che deve diventare reato universale”.
Lo afferma l’europarlamentare di Fratelli d’Italia, Nicola Procaccini, copresidente del gruppo dei conservatori al Parlamento europeo.

Segreteria dell’Ufficio Territoriale
On. Nicola Procaccini