Il ministro della Pubblica Amministrazione, Paolo Zangrillo, ha annunciato un significativo aumento salariale per i dipendenti pubblici. Durante una conferenza stampa tenutasi dopo un incontro con i sindacati, Zangrillo ha dichiarato che la precedente legge di bilancio aveva destinato fondi per i rinnovi contrattuali, portando a un aumento medio del 4% per i dipendenti pubblici. Tuttavia, la nuova legge di bilancio prevede un incremento medio vicino al 6%.

Secondo il ministro, questa iniziativa significa un aumento medio di circa 170 euro per tutti i dipendenti pubblici, con particolare attenzione ai medici, i quali riceveranno un aumento ancora maggiore. Zangrillo ha evidenziato che ci sono contratti in sospeso, tra cui quelli relativi al settore sanitario, e ha sottolineato l’importanza di accelerare i rinnovi contrattuali.

Il ministro ha anche parlato dell’importanza di modernizzare la Pubblica Amministrazione in modi diversi dalla semplice questione salariale. Ha menzionato l’importanza della formazione, dell’opportunità di crescita e della creazione di un ambiente lavorativo motivante. Zangrillo ha avviato un osservatorio per valutare la performance e il comportamento dei dipendenti, cercando di premiare non solo le competenze tecniche ma anche la capacità di creare un ambiente organizzativo stimolante.

Inoltre, il ministro ha espresso la necessità di rendere la Pubblica Amministrazione più attrattiva per i giovani e ha sottolineato che la motivazione dei dipendenti non si basa solo sul salario, ma su una serie di altri fattori. Questa iniziativa rappresenta un passo importante verso la modernizzazione e l’attrattività della Pubblica Amministrazione italiana.