“Dopo tante resistenze da parte di alcuni Stati membri finalmente sulla Direttiva Europea EPBD“case green“, l’Europa sceglie la linea Italia”. Lo dichiara in una nota il deputato azzurro e Vice Presidente della Commissione Ambiente alla Camera dei Deputati, Francesco Battistoni.

“Grazie al lavoro del nostro Ministro Gilberto Pichetto, che si è da sempre battuto a difesa dell’interesse nazionale, l’accordo raggiunto assicura maggiore flessibilità agli Stati su come realizzare l’efficientamento energetico”.

“La linea portata avanti dall’Italia – prosegue Battistoni – ha sempre sostenuto la necessità di raggiungere gli obiettivi ambientali, di decarbonizzazione e di riqualificazione del patrimonio edilizio in maniera razionale e non ideologica. Aver compreso le linee di indirizzo suggerite dall’Italia – aggiunge- evidenziano come la Ue abbia preso coscienza del nostro contesto nazionale che differisce per questioni storiche, di conformazione geografica, e urbanistica dalla maggior parte degli stati Ue” .

“Quanto raggiunto in sede negoziale – conclude Battistoni – riconosce la validità delle nostre tesi e salva il patrimonio immobiliare dell’Italia e degli italiani da logiche green decontestualizzate dai territori e pensate per assecondare visioni miopi ideologiche“.

On. Francesco Battistoni