Dura condanna del presidente del Consiglio, Mario Draghi, all’attacco scellerato da parte della Russia alla centrale nucleare di Zaporizhzhia. “Un attacco – si legge in una nota di Palazzo Chigi – contro la sicurezza di tutti. L’Unione Europea deve continuare a reagire unita e con la massima fermezza, insieme agli alleati, per sostenere l’Ucraina e proteggere i cittadini europei”.

Oggi,vertice dei ministri degli Esteri della Nato. Il ministro Luigi Di Maio è a Bruxelles per partecipare alla riunione dei capi delle diplomazie della Nato, poi del G7, e infine al Consiglio affari esteri straordinario dell’Ue. “Come Nato siamo d’accordo per riportare Putin al tavolo, per raggiungere una soluzione diplomatica. Si andrà verso un ‘no’ alla no fly zone perché questo coinvolgerebbe direttamente la Nato nel conflitto e scatenerebbe un conflitto che avrebbe effetti devastanti su tutta l’Europa”- ha detto Di Maio.