Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera a due importanti provvedimenti riguardanti le Politiche di coesione e la revisione del regime fiscale. In particolare, la premier Giorgia Meloni ha anticipato che nel decreto legislativo per la Revisione del regime Irpef e Ires è prevista una misura per erogare un bonus da 100 euro a favore dei lavoratori dipendenti con reddito complessivo non superiore a 28.000 euro e famiglie monoreddito o monogenitoriali con almeno un figlio a carico, con erogazione prevista a gennaio 2025.

Il viceministro al MEF, Maurizio Leo, ha spiegato che questo bonus rappresenta un primo passo verso l’obiettivo della detassazione delle tredicesime, come previsto dalla legge delega. Questa misura temporanea mira a fornire un ulteriore sostegno alle famiglie, mantenendo un equilibrio nelle coperture finanziarie per evitare impatti negativi sui conti pubblici.

Il bonus da 100 euro sarà erogato nel 2025 attraverso i sostituti d’imposta, poiché nel 2024 il governo ha già destinato tutte le risorse disponibili per altri provvedimenti legislativi. Leo ha sottolineato l’impegno del governo nel sostenere le fasce medio-basse della popolazione e nel consolidare le aliquote fiscali per il 2025.

Nel frattempo, il ministro degli Affari europei, Raffaele Fitto, ha annunciato che con la riforma delle Politiche di coesione si mira a rimettere in moto risorse pari a 75 miliardi di euro, includendo fondi europei e nazionali. Fitto ha evidenziato l’importanza di coordinare i diversi fondi per massimizzare il loro impatto e migliorare l’efficacia della spesa.

Questi provvedimenti rappresentano un passo significativo verso la ripresa economica e il sostegno alle fasce più vulnerabili della popolazione, oltre a una maggiore efficienza nell’utilizzo delle risorse per promuovere la coesione e lo sviluppo del Paese.