“I numeri diffusi da Frontex, che evidenziano una netta diminuzione degli arrivi irregolari in Europa nei primi due mesi del 2024 nella rotta del Mediterraneo centrale, confermano che le misure attuate dal governo italiano sono efficaci e funzionano. Un dato coerente con la netta diminuzione degli arrivi irregolari in Italia nello stesso periodo, mentre le altre rotte di arrivo in Europa registrano aumenti dei flussi. Questo significa che l’Italia ha imboccato la giusta strada, quella degli accordi con le nazioni di provenienza e transito dell’immigrazione irregolare, verso cui tende anche il Piano Mattei per l’Africa, il rafforzamento delle misure restrittive verso i trafficanti di esseri umani, l’adozione di strumenti di gestione e dissuasione dell’immigrazione, come nel caso del protocollo con l’Albania. L’indicazione che arriva da questi dati è che l’Europa deve convincersi definitivamente che occorre una gestione complessiva dei fenomeni migratori basata sui due priorità: la dimensione esterna e il contrasto alla immigrazione irregolare. È questa la strada per favorire, invece, la gestione dei flussi migratori regolari, per evitare conseguenze traumatiche di carattere sociale derivanti da una immigrazione incontrollata. Che è, invece, il mantra del “porte aperte” a tutti portato avanti dalle sinistre europee”

E’ quanto dichiara l’europarlamentare di Fratelli d’Italia, Nicola Procaccini, copresidente del gruppo dei conservatori al parlamento europeo