NEPI ( Viterbo) – Con un blitz nelle campagne di Nepi, i Carabinieri della Compagnia di Civita Castellana hanno inferto un duro colpo nei confronti dello spaccio di droga nella parte meridionale dell’intera Provincia grazie ad un sequestro record di sostanze stupefacenti.

Nel pomeriggio di martedì scorso hanno fatto irruzione in un casolare dove un pregiudicato 70enne, sorpreso insieme ad uno straniero di origini magrebine, custodiva 148 kg di hashish, 4,5 kg cocaina e 14 kg di marijuana. Un quantitativo tale che, se immesso sul mercato clandestino, avrebbe potuto fruttare più di un milione di euro.

Tutto lo stupefacente era stipato in un magazzino con un ingresso indipendente dove è stato anche rinvenuto equipaggiamento simile a quello in uso alle forze dell’ordine, ma anche un apparato (tipo scanner) in grado di intercettare e disturbare le comunicazioni radio. Gli operanti, insospettiti dall’insolita disponibilità dell’equipaggiamento in questione, hanno indirizzato le proprie ricerche verso una eventuale disponibilità di armi, di solito utilizzate in abbinamento ai giubbini per commettere rapine. I militari hanno quindi passato al setaccio l’intero immobile, il terreno circostante e le pertinenze, rinvenendo quindi nel sottotetto di un capanno adiacente all’abitazione una pistola calibro 7,65 con matricola abrasa e diverse cartucce. Inoltre, nella camera da letto dell’anziano, è stato trovato un fucile artigianale perfettamente efficiente, non denunciato e completo munizionamento.

Il blitz dei militari della Compagnia di Civita Castellana, del NORM e della Stazione di Monterosi, è scattato a seguito di ripetuti e mirati servizi di appostamento che avevano permesso di individuare il casolare come un probabile centro di approvvigionamento per gli spacciatori della provincia, il cui viavai aveva insospettito i Carabinieri, e il considerevole quantitativo di stupefacente sequestrato, tra l’altro di diversa tipologia, ha confermato l’ipotesi alla base dell’attività d’indagine. L’ingente carico infatti era con ogni probabilità il principale canale di rifornimento della droga da spacciare nella parte meridionale della Tuscia, verosimilmente in grande quantità in previsione dei festeggiamenti di fine anno.

Nelle settimane precedenti l’irruzione, erano anche state registrate lamentele della popolazione infastidita dai continui episodi di spaccio, che non era stato possibile risolvere in attesa del momento propizio per colpire in modo incisivo.

Le indagini dei militari proseguono per mettere in piena luce i vari canali di smistamento e di modalità di spaccio nel mercato clandestino dei comuni limitrofi della Tuscia lungo gli assi viari della cassia e della Flaminia, per identificare i complici in quest’attività delle due persone tratte in arresto, ma anche per verificare l’eventuale utilizzo dell’equipaggiamento di polizia per la commissione di altri reati.

Il risultato dell’operazione condotta dai militari civitonici è più grande sequestro di stupefacente messo a segno dai Carabinieri del Comando Provinciale di Viterbo nel corso del 2021.

PRESUNZIONE DI INNOCENZA

I soggetti indagati sono persone nei cui confronti vengono fatte indagini durante lo svolgimento dell’azione penale; nel sistema penale italiano la presunzione di innocenza, art 27 Costituzione, è tale fino al terzo grado di giudizio e la persona indagata non è considerata colpevole fino alla condanna definitiva.