Un’intensa ondata di maltempo è prevista per i prossimi giorni sull’Italia, con almeno 5 giorni di piogge, venti forti e oltre 1 metro di neve prevista sulle Alpi.

Una profonda saccatura atlantica si abbatterà sul nord Africa nel corso del weekend, portando un cambiamento radicale delle condizioni meteorologiche. Secondo Andrea Garbinato, responsabile redazione del sito www.iLMeteo.it, la pressione atmosferica inizierà a scendere nelle prossime ore, indicando un imminente cambiamento del tempo.

Le prime piogge intense sono attese sulle regioni di Nord-Ovest, con neve sopra i 1500 metri in Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia occidentale. Nel tardo pomeriggio, ci si aspetta un’ulteriore intensificazione dei fenomeni, con nevicate moderate sulle Alpi nord-occidentali e piogge sparse sulla Pianura Padana.

Venerdì 23 febbraio si prevede la formazione di un ciclone sul Golfo Ligure, con un’ulteriore peggioramento delle condizioni meteorologiche caratterizzato da forti nevicate sulle Alpi centro-orientali, venti sostenuti e piogge diffuse nel Centro-Nord.

Il weekend si presenterà invernale, con temperature che si abbasseranno di circa 10 gradi rispetto alle medie del periodo, ma rimarranno comunque quasi normali per febbraio.

La perturbazione, originaria dell’Islanda, si dirigerà verso il Nord Africa, portando ancora maltempo al Nord fino a lunedì e piogge intense al Sud fino all’inizio di marzo. Questa notizia è accolta positivamente in Sicilia e Sardegna, dove la siccità estrema ha colpito duramente.

La Protezione Civile ha emesso un’allerta meteo per molte regioni italiane, prevedendo piogge intense, fulmini, grandinate e forti raffiche di vento, con rischio idrogeologico in diverse zone.