Una tragedia indicibile ha scosso Altavilla Milicia, un piccolo comune in provincia di Palermo, dove un uomo di 54 anni ha compiuto un gesto orribile, uccidendo la moglie e i suoi due figli di 5 e 16 anni. L’unica a sopravvivere è stata la figlia di 17 anni, fuggita dal terrore.

Giovanni Barreca, muratore di professione, ha perpetrato l’atroce crimine durante la notte, svegliandosi e sostenendo di percepire presenze demoniache in casa, scatenando così la sua follia omicida. Ha brutalmente assassinato la moglie Antonella Salamone e i due figli, Kevin ed Emanuel, soffocandoli e uno dei quali torturato e strangolato con una catena.

Dopo aver compiuto l’orribile gesto, Barreca ha chiamato il numero di emergenza 112 per annunciare la strage e si è consegnato ai carabinieri, che lo hanno trovato nel vicino paese di Casteldaccia.

La scena che si è presentata ai soccorritori è stata raccapricciante: il corpo della donna, dopo essere stato bruciato, è stato trovato solo parzialmente sepolto nel terreno vicino alla loro abitazione. Si sospetta che Barreca abbia smembrato il corpo prima di bruciarlo e seppellirlo. Le indagini sono ora affidate al reparto operativo dei carabinieri del comando provinciale di Palermo, sotto il coordinamento della procura di Termini Imerese. Sul luogo del terribile omicidio sono intervenuti anche gli investigatori del Ris.