“L’anno scorso in Italia abbiamo avuto circa 400 casi di Dengue, di cui 80 originati proprio nel nostro Paese. Nei primi mesi del 2024 abbiamo già raggiunto la metà dei casi, al momento tutti importati. Ma c’è il timore che si riproponga lo stesso scenario perché ci sono grandi epidemie nel Centro e Sud America ma anche in altre mete turistiche come le Maldive o Sharm el-Sheikh. Per cui dobbiamo essere attenti e avere consapevolezza che, quando andiamo in questi Paesi, rischiamo di portare con noi un regalo inatteso”. Lo ha detto a “Uno mattina” su Rai 1 il dr. Emanuele Nicastri, direttore UOC Malattie Infettive ad Alta Intensità di Cura dello Spallanzani. “La zanzara tigre ha ormai invaso il nostro Paese e necessita di pochissima acqua, alcune micro gocce di acqua, per produrre le proprie larve. Inoltre è una specie stanziale, cioè che sta vicina a noi e si sposta poco dal luogo in cui nasce. Ma la sua vicinanza è una nostra responsabilità. Infatti, il suo controllo dipende da noi e dal controllo che facciamo nei sottovasi, nei secchi con l’acqua. Dobbiamo avere cura di giardini e terrazze per prevenirne la diffusione”. Per quanto riguarda la malaria “nessun timore, conosciamo bene la zanzare responsabile, la anopheles. Per cui siamo pronti di fronte a qualsiasi caso”.