A causa del peggioramento delle condizioni meteo, le operazioni lungo il  fronte in Ucraina sono rallentate negli ultimi giorni, ma è probabile che riprenda nelle prossime settimane con il calo delle temperature e il congelamento del terreno in tutto il teatro.

La Russia, intanto, sta preparando la prossima “mobilitazione” segreta per rafforzare le sue truppe al fronte nella guerra contro l’Ucraina, secondo quanto scrive lo Stato Maggiore delle Forze Armate ucraine in un post pubblicato su Facebook. “Nella Federazione Russa e nei territori temporaneamente occupati dell’Ucraina, sono in corso i preparativi per condurre, dal 10 dicembre di quest’anno, la prossima ondata di mobilitazione segreta nei ranghi delle forze di occupazione russe”- afferma lo Stato Maggiore. Intanto, Mosca continua a raggruppare le truppe per rafforzare le sue divisioni e unità nelle direzioni di Lyman, Avdiivka e Novopavlivka. Almeno cinque civili sono morti e altri quattro sono rimasti feriti durante i bombardamenti di ieri delle forze russe nella regione di Donetsk, nell’Ucraina orientale. L’amministrazione militare della città di Kiev ha riferito che l’elettricità, l’acqua, il riscaldamento e le comunicazioni sono state quasi completamente ripristinate nella capitale e che i lavori di riparazione della rete elettrica sono nella fase finale. Scrive la stessa amministrazione su Telegram. Secondo le autorità, da questa mattina la maggior parte dei residenti della città non solo ha l’elettricità, ma non ci sono neanche interruzioni di emergenza e di stabilizzazione. Il viaggio di lavoro del ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov a Minsk, previsto per oggi e domani, è stato rinviato in seguito alla morte ieri del ministro degli Esteri Bielorusso Vladimir Makei. E’ salito a 851 il numero dei bambini rimasti feriti dall’inizio della guerra in Ucraina, secondo quanto riportato dalla Procura generale di Kiev.