Il ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso ha chiesto ai benzinai di revocare  lo sciopero in programma dal 25 al 26 gennaio, lanciando un appello alle associazioni di categoria perché rivedano la decisione.

“E’ una decisione che danneggia i cittadini” – ha affermato Urso su Radio 24.  Il ministro ha, quindi, assicurato che “c’è un tavolo di confronto che terremo aperto in maniera continuativa finchè non ci sarà un riordino del settore”.  In merito poi alla controversa misura di obbligare i distributori ad esporre un cartello con i prezzi medi del carburante, Urso ha ribadito come “l’esposizione del cartellone aiuterà i consumatori a scegliere”. Per quanto riguarda la questione della accise, il ministro ha ribadito come quella di non riproporre il taglio sia stata “una scelta ben precisa del governo” ed ha spiegato: “La riduzione delle accise è stata fatta in un momento straordinario e a tempo, ma ha portato beneficio soprattutto ai più abbienti. Noi abbiamo invece deciso di destinare le risorse a disposizione per i meno abbienti, alle imprese e alle famiglie, soprattutto quelle più numerose. Nei momenti di crisi si aiutano i più deboli”.