Cresce l’attesa per l’inaugurazione del Padiglione della Regione alla kermesse internazionale del vino di Verona.

Tutto pronto per l’inaugurazione ufficiale della 56 ª edizione del Vinitaly. A tagliare il nastro del padiglione saranno il Presidente di Regione Lazio Francesco Rocca, l’Assessore con deleghe a Bilancio, Agricoltura e Sovranità Alimentare della Regione Lazio Giancarlo Righini e il Commissario Straordinario di Arsial Massimiliano Raffa, nell’appuntamento clou del settore enologico che si svolgerà a Veronafiere dal 14 al 17 aprile. Il Lazio metterà in mostra il meglio della sua offerta con 53 realtà vitivinicole del territorio, un padiglione scenografico, un nuovo storytelling territoriale e un programma di animazione ricchissimo, studiato per offrire opportunità di visibilità e di business per i produttori grazie alla nuova strategia di valorizzazione, il “Modello Lazio”. Il Lazio si propone a Verona con un padiglione di 2.000 mq, situato all’ingresso Cangrande, innovativo per le soluzioni architettoniche, di immagine e di comunicazione. Vinitaly 2024 vedrà la partecipazione complessiva di oltre 4.000 aziende espositrici provenienti da 65 Paesi e 1.200 top buyer, il 20% in più rispetto all’edizione precedente.

IL LAZIO A VINITALTY – IL PROGRAMMA DELLA PRIMA GIORNATA

Il percorso di scoperta è stato curato da Bibenda editore, composto da “masterclass blind tasting”, realizzate in collaborazione con Slow Food Lazio e degustazioni guidate in programma tutti i giorni in uno spazio ad hoc: l’Arena delle eccellenze, all’interno della quale saranno rappresentate tutte le aziende presenti nella collettiva Lazio, con un’etichetta selezionata per ciascuna. Alle 12.30 è prevista la Masterclass Blind Tasting dei vini bianchi, con un confronto con una raffinata etichetta dell’Alto Adige, mentre alle 14:30 ci sarà la Masterclass Blind Tasting degli spumanti, che “sfideranno” le bollicine della Franciacorta. Alle 16 è prevista la presentazione di “Bollizine” prima guida all’analisi acustica del perlage degli spumanti italiani con l’autore Tommaso Caporale, Sara Vitali, Cinquesensi Editore e Angelo Radica, Presidente Associazione Nazionale Città del Vino. A seguire degustazione degli spumanti laziali selezionati dalla guida. Alle 17:30 la presentazione della guida “Frascati vino da amare” della Collana di Repubblica “Italia del Vino” con Giancarlo Righini Assessore regionale al Bilancio, Agricoltura e Sovranità Alimentare, Andrea Evangelisti Presidente Consorzio tutela denominazione vini Frascati, Giuseppe Cerasa Direttore de Le Guide di Repubblica e Massimiliano Raffa Commissario Straordinario Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l’Innovazione dell’Agricoltura del Lazio. A conclusione della giornata è previsto un business dinner esclusivo alle Gallerie Mercatali con ospiti d’eccezione e un menu studiato dallo chef Alessandro Circiello, che vanta numerose esperienze in alberghi e ristoranti stellati dalla Guida Michelin, e ha studiato piatti raffinati e innovativi per celebrare le eccellenze agroalimentari del Lazio. «È un onore per me essere stato scelto per realizzare la cena di apertura del Vinitaly della Regione Lazio – spiega Alessandro Circiello – per questo ho ideato un menù che rappresenta al meglio la nostra tradizione gastronomica, valorizzando tutte le biodiversità delle cinque province che compongono il nostro patrimonio alimentare del Made in Lazio». Durante la serata, grazie alla collaborazione con l’Associazione Aci&Galatea, saranno esposte 10 opere dedicate all’Astrattismo Agricolo, degli artisti Teresa Coratella, Salvatore Pupillo, Claudio Bianchi, Salvatore Dominelli.

IL LAZIO A VINITALTY – GLI ALTRI EVENTI

Tra gli eventi da non perdere nei giorni successivi Conferenza dei Presidenti dei Consigli Regionali lunedì 15, mentre martedì 16 ci sarà la presentazione di “Vini d’Abbazia” 2024, a cura di Marco De Cave e Francesco Zaralli di APS Polygonal. Parteciperanno Werner Waldboth dell’Abbazia di Novacella, Don Andrea Santus del Monastero di Monte Oliveto Maggiore, Francesco Zaralli e Marco De Cave (Vini d’Abbazia). Interverranno, inoltre, Massimiliano Giansanti Presidente di Confagricoltura, Marco Carpineti Presidente Strada del Vino della Provincia di Latina. Modererà Rocco Tolfa TG2.

Ricco il programma delle degustazioni (per le quali è possibile prenotarsi sulla piattaforma Eventbrite), accompagnato da due serie di incontri B2B tra buyer e produttori della filiera laziale, realizzate in collaborazione con ICE-Agenzia e Veronafiere.

Il claim scelto per l’occasione, che accompagna tutte le grandi manifestazioni del vino a cui il Lazio prende parte, “Lazio. All roads lead to taste”, ispirato a un antico motto, è un invito alla scoperta, lasciando intendere che ogni viaggio intrapreso nella nostra regione, porta il visitatore a vivere esperienze, anche enologiche, straordinarie.

Il Lazio si propone a Verona con un padiglione di 2.000 mq, situato all’ingresso Cangrande, innovativo per le soluzioni architettoniche, di immagine e di comunicazione, unito a nuovo storytelling, pensato per raccontare la regione e le sue eccellenze vitivinicole, in una veste nuova e accattivante. Al nuovo storytelling, si affianca un’informazione quotidiana, dedicata agli eventi in programma nel padiglione e alla nostra filiera vitivinicola regionale.

LE DICHIARAZIONI

«Il Lazio – è il commento dell’Assessore all’Agricoltura Giancarlo Righini – può essere orgoglioso di come la Regione e la nostra filiera del vino si presentano al prossimo Vinitaly. Il padiglione del Lazio di quest’anno è stato ritenuto tra i più belli mai visti a Vinitaly. Vinitaly non solo offre una vetrina prestigiosa per i nostri produttori, ma allo stesso tempo, rappresenta un’opportunità unica per promuovere lo sviluppo del settore. Siamo determinati a continuare su questa strada, supportando le nostre cantine nell’espansione dei mercati nazionali e internazionali, garantendo al tempo stesso la tutela e la valorizzazione del nostro patrimonio vitivinicolo».

«Vinitaly è un momento di straordinaria visibilità – è il commento del Commissario Straordinario di Arsial Massimiliano Raffa – una tappa obbligata per le aziende del comparto e i territori del vino. Come Arsial, siamo qui per affiancare le imprese e porci come interlocutori naturali nel loro percorso di crescita, valorizzando tutto il potenziale di un settore straordinario, finalmente pronto per il salto di qualità. Il Lazio del vino vuole stupire a Vinitaly e raccontarsi, finalmente, come regione di eccellenza enologica. Noi ci siamo, venite a scoprire il nostro padiglione».

Maggiori informazioni sulla partecipazione del Lazio a Vinitaly sono disponibili sui siti www.tastinglaziowine.it/ e www.arsial.it, oltre che sui canali social di Regione Lazio e Arsial.

La partecipazione di Regione Lazio a Vinitaly 2024, in collaborazione con Arsial, si avvale del contributo della Camera di Commercio, Industria, Agricoltura e Artigianato di Roma e della partnership con Olio di Roma IGP e Acqua Filette.