Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha denunciato su social media il totale disprezzo per la vita umana da parte della Russia, sottolineando che solo nell’ultima settimana le truppe russe hanno lanciato quasi 1.000 attacchi contro l’Ucraina, utilizzando missili, lanciatori antiaerei e droni. Zelensky ha enfatizzato la necessità di proteggere la vita in Ucraina con sistemi di difesa aerea e forniture militari adeguate, affermando che la sconfitta del terrore russo è essenziale per avvicinare la pace.

Durante un incontro a Singapore con il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin, Zelensky ha discusso il rafforzamento del sistema di difesa aerea dell’Ucraina e l’espansione degli attacchi difensivi con armi americane sul territorio russo. Ha ringraziato il presidente degli Stati Uniti per il sostegno vitale e politico all’Ucraina.

Zelensky ha inoltre accusato la Russia di tentare di sabotare il prossimo vertice globale per la pace in Svizzera, ricattando altri Paesi affinché non vi partecipino. Nonostante ciò, 106 Paesi hanno confermato la loro presenza.

Il presidente ucraino ha espresso delusione per l’assenza di alcuni leader mondiali, inclusi il presidente cinese Xi Jinping e il presidente statunitense Joe Biden, al vertice di pace. Zelensky ha criticato Pechino per il presunto sostegno alla Russia, nonostante le promesse di non fornire armi. La Cina ha ribadito di non sostenere lo sforzo bellico russo e di mantenere un controllo stretto sulle esportazioni di beni a duplice uso.

Zelensky ha anche rifiutato l’idea di un’iniziativa di pace ospitata dalla Cina con la Russia e l’Ucraina, sottolineando che solo l’Ucraina, vittima della guerra, ha il diritto di iniziare i negoziati per porre fine al conflitto.