quintavalle Dopo le dimissioni di Vitaliano De Salazar

In un momento così delicato, con  l’emergenza Coronavirus in  corso, le trincee non possono rimanere sguarnite e l’assessore alla sanità D’Amato ha tappato in tutta fretta il buco lasciato la scorsa settimana sullo scacchiere delle Asl laziali dalle dimissioni di Vitaliano De Salazar. Sarà Giuseppe Quintavalle, oggi direttore generale  della Asl Roma 4, il commissario incaricato di seguire le sorti anche dell’azienda sanitaria del litorale romano Asl Roma 3.   Giuseppe Quintavalle, originario di Cosenza, 57 anni il prossimo 25 aprile, psichiatra, è un manager della sanità pubblica di lungo corso, di esperienza e livello. Ha appena concluso una esperienza simile, governando contemporaneamente, in condizioni difficili, la Asl di Civitavecchia e quella di Tivoli (Asl Roma 5) come commissario straordinario.

Tra le prime emergenze che sarà chiamato a gestire c’è la delicatissima faccenda dell’unità Covid-19 che la Regione ha deciso di allestire a Ostia presso il CPO, il centro paraplegici,  per ricoverarvi 14 soggetti positivi in quarantena. La decisione ha già provocato la rivolta dei ricoverati del Cpo con i loro familiari. “Ci sono pazienti mielolesi, sicuramente immunodepressi, affetti da lesione da decubito con germi multi resistenti, con impegno respiratorio dovuto al tipo di lesione neurologica.E voi mandate lì i ricoverati per coronavirus?” Una patata bollente che Quintavalle  – manager solido e di carattere – dovrà raffreddare in fretta, vista l’aria che tira.