VALENTANO (Viterbo) -Questa mattina, presso il poliambulatorio di Valentano, si è svolto un incontro, al quale hanno partecipato il direttore generale della Asl di Viterbo, Daniela Donetti, il sindaco Stefano Bigiotti e il consigliere regionale, Enrico Panunzi, al termine dei lavori di ristrutturazione effettuati presso la struttura da parte dell’Amministrazione comunale e della Asl di Viterbo.

Nello specifico, al fine di migliorare e facilitare l’accesso e la fruizione della struttura e dei servizi, nel rispetto delle normative vigenti, per il personale sanitario e per la cittadinanza, il Comune di Valentano ha effettuato delle opere di ristrutturazione e di abbattimento delle barriere architettoniche, mentre l’azienda sanitaria ha curato l’esecuzione di interventi di riqualificazione e di manutenzione straordinaria degli ambienti interni.

“Grazie allo sforzo sinergico messo in campo dal Comune di Valentano e dalla Asl di Viterbo – commenta il sindaco Stefano Bigiotti -, il poliambulatorio di via delle Mura è oggi accessibile e fruibile in totale sicurezza dal personale sanitario e dall’utenza, in ogni sua parte. Gli interventi realizzati, grazie ai fondi ministeriali conseguiti dall’ente, consentono oggi di restituire ai cittadini spazi idonei anche alla funzione sociale che il poliambulatorio assolve. Ringrazio il direttore generale Donetti per la disponibilità e l’interessamento sempre manifestato nei confronti di questa importante realtà territoriale, come anche i sindaci dell’ex comprensorio che, da sempre, hanno perorato, insieme al Comune di Valentano, ogni iniziativa volta a potenziare il servizio. I lavori eseguiti consentiranno ora di fruire di una realtà idonea e adeguata alla sua rilevanza e preminenza territoriale”.

“Anche oggi a Valentano – ha aggiunto Daniela Donetti – stiamo aggiungendo un ulteriore tassello sul fronte del riammodernamento, della riqualificazione, non solo strutturale, dei servizi sanitari sul territorio provinciale. Nell’ottica della prossimità e dell’integrazione sociosanitaria, la rete aziendale delle cure primarie continua a crescere, in un modello complessivo volto a garantire servizi e risposte adeguate ai bisogni di salute della popolazione”.