Arriva la convenzione tra Asl Roma 4 e Asl Roma 1 per consulenze da 300mila euro. Dopo l’annullamento in autotutela del concorso per l’assunzione dei 22 amministrativi all’azienda sanitaria locale ora arriva questo nuovo atto finalizzato ad attività di collaborazione tra le due aziende e, in caso fosse necessario, di supporto e formazione on the job sulle linee di attività del Dipartimento tecnico patrimoniale della Asl Roma 1 con validità annuale.

Un accordo tra le due Asl che vedrà attività «rese – si legge nella delibera – per il tramite dei personale dirigenziale e di comparto, amministrativo e tecnico, afferente alle competenti unità del Dipartimento tecnico patrimoniale della Asl Roma 1, nelle materie relative all’acquisizione di beni e servizi, di tecnologie informatiche ed elettromedicali, oltre che su altre materie di interesse comune quali la logistica e l’ufficio tecnico».

I 300mila euro di onere sono divisi in 150mila euro per il 2021 e altrettanti per il 2022. Le consulenze, quindi, saranno fornite dalla Asl Roma 1 che metterà a disposizione personale dirigente, dipendente a rapporto esclusivo, afferente alle Unità del Dipartimento tecnico patrimoniale, che sarà coadiuvato da personale del comparto, amministrativo e tecnico. Attività che saranno svolte sia presso la Asl Roma 4 che in “remoto”. Previsti compensi, lordi, di 60 euro all’ora per i dirigenti e 35 per il resto del personale. Per le attività in presenza è previsto anche il rimborso spese per il viaggio o chilometrico. Un atto che appare come una mancata valorizzazione delle professionalità attualmente presenti nella Asl Roma 4 da parte del neo direttore generale Cristina Matranga, ex direttore amministrativo proprio della Asl Roma 1.