IL BORSINO DELLA POLITICA CAPITOLINA

Su

Fabio Massimo Pallottini

Claudio Pica

Amedeo Ciaccheri

Giù

Goffredo Bettini

Monica Lucarelli

Sabrina Alfonsi

 

 

Clima da rissa politica nella capitale, con la guerra per le poltrone, l’assalto alla diligenza degli amici e dei parenti, lo scontro tra il “guru” Goffredo Bettini e il sindaco Renato Gualtieri su chi decide le nomine e di fatto governa la capitale (ma  il  vero playmaker non è Claudio Mancini?). Si inserisce nel mezzo la questione delle elezioni suppletive per il seggio lasciato libero da Gualtieri (si vota a gennaio) e che Enrico Letta vorrebbe regalare a suggello della alleanza a Giuseppe Conte.  Ma altri aspiranti non sembrano gradire e lo stesso leader grillino teme di cadere in una trappola. I nuovi assessori cominciano a muoversi, a fare interviste, a promettere. Andrea Catarci ormai definito l’assessore dei “quindici minuti” spiega come renderà la capitale funzionale e performante, Sabrina Alfonsi si ingegna a gestire l’emergenza rifiuti, Barbara Funari promette una rivoluzione nel “sociale” e Monica Lucarelli spiega come Roma crescerà dal punto di vista produttivo e finanziario. Una nota di merito a Amedeo Ciaccheri, sempre più leader politico (non più della sola Garbatella), a Claudio Pica, leader inesauribile degli esercenti romani e a Fabio Massimo Pallottini, “patron” del Car di Guidonia.