BAGHDAD – Attentato con droni esplosivi lanciato contro la sua residenza, situata nella Green zone di Baghdad, al primo ministro iracheno, Moustafa Al Kazimi, che ne è uscito illeso. L’attacco è avvenuto nel corso di una manifestazione di centinaia di manifestanti filo-iraniani contro il risultato delle elezioni parlamentari del 10 ottobre.

Nell’attacco sono stati usati tre droni, due dei quali sono stati abbattuti dai membri della sicurezza del premier, secondo quanto riportato da fonti della sicurezza. Gli Stati Uniti hanno condannato l’ attacco contro il primo ministro iracheno e lo hanno definito un “apparente atto di terrorismo”. Su Twitter, il capo del Consiglio supremo di sicurezza nazionale iraniano, Ali Shamkhani, ha dichiarato: “Il tentativo di assassinare il primo ministro iracheno Mustafa Al Kadhemi rappresenta una nuova insurrezione, le cui tracce dovrebbero essere cercate nei think tank di alcuni Paesi stranieri.  Questi Paesi non hanno portato nulla in Iraq se non insicurezza e discordia attraverso la creazione e il sostegno a gruppi terroristici”.