epa04409992 International Monetary Fund (IMF) managing director Christine Lagarde speaks during a press conference at the G20 Finance Ministers and Central Bank Governors are meeting in Cairns, Australia, 21 September 2014. The G20 countries have agreed to exchange tax information, trying to reduce global tax evasion, and discussed the economic impact of the Ebola crisis in Africa. Outside the meeting crowds gathered to demand immediate action on climate change, as part of a global rally ahead of a special UN summit. EPA/DAVE HUNT AUSTRALIA AND NEW ZEALAND OUT

La presidente della Bce Christine Lagarde ha detto, parlando alla conferenza dell’Institut Montaigne di Parigi: “La guerra in Ucraina avrà conseguenze per la crescita”. L’attenzione degli investitori si concentra sui negoziati tra Russia e Ucraina per porre fine al conflitto armato. Attenzione anche sulle mosse delle banche centrali per contrastare la corsa dell’inflazione mentre prosegue l’aumento delle materie prime. Sul fronte valutario l’euro sul dollaro è stabile a 1,1050 a Londra. In flessione il rublo sul dollaro, dopo la riapertura della Borsa di Mosca per le contrattazioni dei titoli di Stato. Poco mosso l’indice d’area stoxx 600 (+0,03%). In lieve flessione Parigi e Francoforte (-0,1%), Londra (+0,6%), piatta Madrid (-0,02%).  Intanto il Cremlino ha affermato su quanto riportato dalla Tass: “La decisione di imporre l’embargo sulle forniture di petrolio russo peggiorerà l’equilibrio energetico in Europa colpendo tutti”.