ROMA – L’Italian Film Festival Berlin ha vinto il riconoscimento speciale del Premio Mercurio 2022 per la promozione del cinema italiano in Germania.

La consegna del premio all’evento organizzato dal Tuscia Film Fest ha avuto luogo martedì 22 novembre nel corso di una cerimonia svoltasi presso l’Ambasciata d’Italia in Germania.

Il Premio Economico Italo-Tedesco Mercurio viene assegnato dal 1999 per iniziative di particolare rilievo nell’ambito degli scambi economici e culturali fra Italia e Germania e la consegna si svolge in presenza di esponenti dell’imprenditoria tedesca e italiana, personalità di spicco della vita pubblica di entrambi i paesi e rappresentanti della stampa.

Il premio 2022 è andato al gruppo Manni Group/Isopan Deutschland per le “innovative soluzioni di edilizia sostenibile in ambito industriale, urbano e agricolo” mentre Italian Film Festival Berlin, Gruppo Saviola e BeDimensional hanno ricevuto riconoscimenti speciali rispettivamente negli ambiti “impegno culturale”, “green” e “start-up”.

La giuria che ha assegnato i premi è stata formata da: Volker Buchbauer (Comau), Jörg Buck (Camera di Commercio Italo-Germanica di Milano – AHK Italien), Davide Campagnari (Iseo), Alexander Eßer (Wurdack Commercialisti), Stefan Eßer (Derra Meyer), Andreas Kipar (LAND), Christiane Liermann (Villa Vigoni), Marcello Mariucci (Elettronica), Eliomaria Narducci (Camera di Commercio Italiana per la Germania – ITKAM), Federico Panichelli (Bonfiglioli), Tommaso Pedicini (WDR COSMO italiano), Eckart Petzold (Mercurio, Luther), Karoline Rörig (Ufficio per il dialogo italo-tedesco), Antonella Rossi (ENIT), Marina Tedeschi (Marina Tedeschi PE), Christian Vonderreck (HSMV Studio Revisori e Commercialisti).

L’Italian Film Festival Berlin ha ricevuto il premio a pochi giorni dalla chiusura della sua nona edizione che si è svolta dall’8 al 13 novembre nella tradizionale sede della Kulturbrauerei, nel quartiere di Prenzlauer Berg.

Il programma di quest’anno ha visto la proiezione di dieci titoli italiani dell’ultima stagione cinematografica (cinque in anteprima per la Germania) che si sono contesi il il premio del pubblico “Lazio, eterna scoperta” che è stato assegnato sulla base dei voti espressi dagli spettatori al film Freaks Out di Gabriele Mainetti.

Il festival ha avuto come ospite d’onore il regista Gianni Amelio che ha presenziato l’anteprima tedesca del suo ultimo film Il signore delle formiche e inaugurato la retrospettiva a lui dedicata, attualmente in corso in tre cinema di altrettanti quartieri della città (Bundesplatz Kino, Klick Kino, Il Kino).

Tra gli eventi collaterali proposti il business day Von Rom nach Berlin – promosso da Cinecittà e riservato ai professionisti del settore audiovisivo italiano e tedesco – che ha combinato attività di networking e incontri individuali per promuovere le coproduzioni tra i due Paesi e momenti di promozione del territorio grazie alla presenza dell’Assessorato al Turismo della Regione Lazio e di Casa Civita e alla presentazione nei giorni del festival del progetto Tuscia, la terra del cinema presentato dall’omonima DMO.

L’Italian Film Festival Berlin, infine, avrà un’appendice lunedì 12 dicembre quando dopo due anni di assenza tornerà ad arricchire il programma dell’evento il concerto di un’artista italiano: dopo Carmen Consoli, Almamegretta e Calcutta sarà Vinicio Capossela ad esibirsi nella capitale tedesca (Columbia Theatre, ore 20).

L’Italian Film Festival Berlin è organizzato dal Tuscia Film Fest con il supporto della Direzione Generale Cinema e Audiovisivo del Ministero della Cultura, della Regione Lazio, di Cinecittà, dell’Istituto Italiano di Cultura di Berlino, dell’Ambasciata d’Italia in Germania e di Casa Civita.