VITERBO-Mentre la capitale scivola al 31esimo posto per qualità della vita, perdendo 18 posizioni, la Tuscia acquista posizioni collocandosi 61 esima su 107 province e guadagnando, quindi, ben 17 posizioni rispetto alla scorsa indagine, sempre promossa dal Sole 24ore.

In cima alla classifica si colloca Bologna, secondo posto Bolsano e terzo Firenze. Fanalino di coda Crotone. Dopo Viterbo ed a parte la capitale in 31 esima posizione, si collocano tutte le altre province laziali: Rieti è 67esima (guadagna 8 posizioni), Frosinone è 79esima (con tre posizioni guadagnate) e Latina 80esima (guadagna tre posizioni). Sui parametri, circa una novantina, che l’indagine del Sole24 Ore ha tenuto in considerazione, Viterbo, per quanto riguarda le rapine in strada, si piazza con una media di 10 denunce ogni 100 mila abitanti, occupando la quarta posizione della classifica. Un ottimo piazzamento. Mentre un posto tra gli ultimi la città dei papi lo prende per le piste ciclabili, piazzandosi al 102 esimo posto. Non va molto bene anche per affari e lavori, dove Viterbo si piazza all’82 esimo posto e per ricchezza e consumi, dove si colloca al 71esimo posto. Fa meglio per giustizia e sicurezza con un 35esimo posto e per demografia e società (38 esimo posto). Viterbo, inoltre, è 46esima in ambiente e servizi , mentre scende per quanto riguarda cultura e tempo libero (62esimo posto). Per quanto riguarda la criminalità la Tuscia si piazza in 70esima posizione per furti di auto ed al 39 esimo per furti con destrezza. Per furti in abitazione si piazza al 53esimo posto mentre è 24esima per denunce per stupefacenti. Un posto molto buono la Tuscia lo prende per violenze su minori di 14 anni, occupando la quarta posizione. Per quanto riguarda, infine, il numero di anziani la Tuscia registra un numero sopra la media del paese, registrando 211,3 anziani ogni 100 mila abitanti e con un tasso di natalità, invece, che è inferiore alla media.