Rossella Cominotti, 53 anni, è stata ritrovata morta in un hotel a Mattarana, frazione di Carrodano nella provincia della Spezia, dopo essere scomparsa nel nulla per 12 giorni insieme al marito, Alfredo Zenucchi, 57 anni. La triste scoperta è stata fatta dal personale addetto alle pulizie. Secondo gli inquirenti, Zenucchi avrebbe ucciso la moglie, confessando il crimine dopo essere stato fermato in Lunigiana, e sarebbe la 110ma vittima di femminicidio in Italia nel 2023.

Il movente dell’omicidio rimane un mistero, ma vicino al corpo della vittima è stato trovato un rasoio a mano libera, presumibilmente l’arma del delitto, con la quale Cominotti sarebbe stata colpita più volte. Dopo il crimine, Zenucchi avrebbe tentato il suicidio senza successo e successivamente è stato catturato in Lunigiana.

La coppia, titolare di un’edicola a Bonemerse, alle porte di Cremona, era scomparsa da circa due settimane. Una parente di Rossella aveva lanciato un appello su Facebook, denunciando la preoccupazione della famiglia sulla loro sorte. Gli edicolanti erano descritti come riservati e schivi, nonostante la loro attività li mettesse in contatto con molte persone.

I vicini di casa a Cavatigozzi e i clienti di Bonemerse li descrivono come una coppia apparentemente normale, anche se alcuni li consideravano “strani” a causa della loro scarsa interazione con il vicinato. La casa sembrava abbandonata da mesi, e la mancanza di contatti con i vicini faceva pensare a problemi economici.

La tragica storia ha sconvolto la comunità locale, gettando luce su una realtà apparentemente tranquilla ma segnata da tragedie nascoste. Con la confessione di Zenucchi, la comunità cerca di comprendere il motivo dietro questo atroce crimine, mentre l’indagine continua a cercare risposte e giustizia per Rossella Cominotti.