CIVITA CASTELLANA (Viterbo)- La squadra Free mind del Centro di salute mentale del Distretto C di Civita Castellana, del Dipartimento di salute mentale della Asl di Viterbo, ha fatto incetta di premi al torneo di La testa nel pallone, che si è tenuto a Lido Marini, in provincia di Lecce, dal 26 maggio al 2 giugno 2024.

La manifestazione sportiva e sociale, giunta quest’anno alla sua quindicesima edizione, è organizzata dall’Acsi (Associazione di cultura sport e tempo libero) e dal Dipartimento di salute mentale della Asl Lecce, in collaborazione con numerose realtà associative provenienti da diverse città d’Italia e d’Europa.

Il torneo ha coinvolto atleti che frequentano i centri di recupero psicosociale e che praticano lo sport come strumento di integrazione e benessere. Oltre al calcio, quest’anno il torneo ha proposto anche il beach volley e, per la prima volta, lo skymano.

Il Csm del Dipartimento di salute mentale della Asl Viterbese ha partecipato (come da 8 anni a questa parte) con la squadra “Free Mind”, composta da 6 utenti del centro stesso e da altri 3 provenienti da un Centro territoriale riabilitativo di Viterbo.

Il team, accompagnato dall’infermiere Maurizio Menichelli e dalla psicologa Soccorsa Villani, al termine della manifestazione è ritornato nella Tuscia con un bel bottino di premi. Nello specifico: premio torneo di pallavolo su erba, primo premio al miglior portiere del campionato, terzo premio al trofeo Acsi e primo premio nella gara di Karaoke.

I ragazzi della squadra, che partecipano all’attività riabilitativa del calcio, con incontri settimanali di allenamento in presenza di operatori referenti, e che durante l’anno sono impegnati in numerose partite amichevoli, vivono l’esperienza pugliese come il giusto epilogo al termine di un anno di preparazione.

L’obiettivo di tutta questa attività, oltre che sportivo, è anche, e soprattutto, quello di favorire la socializzazione e la lotta allo stigma. I ragazzi sono tornati a casa orgogliosi per i premi ottenuti e per aver rappresentato al meglio il Viterbese. A tutto il team e agli operatori che hanno reso possibile questa partecipazione al torneo, un grazie di cuore da parte della Direzione strategica, per aver interpretato pienamente, soprattutto da un punto di vista valoriale, il ruolo che ricopre la Asl di Viterbo nella comunità di riferimento. E questo è, senza dubbio, un gran bel goal!