ROMA- Il fumo di tabacco ha dimostrato di avere un impatto negativo sul sistema immunitario e sulla suscettibilità alle infezioni, comprese quelle causate dai micobatteri. Secondo Gina Gualano, dirigente medico presso l’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive ‘Lazzaro Spallanzani’, il fumo di sigaretta contiene sostanze dannose che danneggiano le vie respiratorie e compromettono la funzione dei macrofagi alveolari, fondamentali per combattere i micobatteri. Questo aumenta il rischio di malattie come la tubercolosi e altre infezioni respiratorie.

Gli studi epidemiologici confermano che i fumatori hanno un rischio significativamente più alto di contrarre la tubercolosi attiva rispetto ai non fumatori. Inoltre, il fumo è associato a una maggiore probabilità di ricadute e a una risposta meno efficace ai trattamenti antitubercolari. Gualano sottolinea l’importanza cruciale di smettere di fumare non solo per prevenire malattie respiratorie e cardiovascolari, ma anche per ridurre il rischio di infezioni micobatteriche.